Ricerca

Come la pioggia e la neve

Comprendere come la Parola sia il canale privilegiato che Dio usa per mettersi in contatto con noi. Spesso ad un primo “ascolto” non capiamo molto: siamo chiamati a una lettura/un ascolto consapevole, siamo chiamati ad interpretare. Questo richiede esercizio e, per chi è ai primi approcci, forse anche una guida da parte di persone più esperte.

D'accordo!?

Riflettere come nella nostra vita non è sempre semplice trovare l’accordatura giusta quando si sta con gli altri. Eppure, magari basta solo un minimo di volontà per tirare o allentare le corde della nostra vita e iniziare tutti insieme una meravigliosa sinfonia, una sinfonia da costruire ogni giorno insieme.

Il mio sogno... è il Tuo!

Area: 

Continuare la riflessione sui temi e sugli spunti della Festa Giovanissimi Dreamin’Up - Svegliàti da un sogno. Accompagnare il giovanissimo a scoprire il proprio progetto di vita come realizzazione della propria vocazione, ossia del progetto che Dio ha per ognuno.

Ci sto!

Far divenire consapevoli i giovanissimi della qualità e dell’importanza della loro fede, indipendentemente dal “livello” che sentono di aver raggiunto. Anche se giovani possono essere importanti testimoni e far parte a pieno titolo di quella comunità cristiana alla quale è chiesto di essere grembo che genera alla fede.

Tiramisù

Riflettere sui rapporti di amicizia (compreso quello con Dio) e sulla fiducia che ci dovrebbe essere alla base di ognuno di essi. È soprattutto in situazioni di difficoltà che si scopre il valore dell’amicizia e della fraternità: da qui possono nascere relazioni importantissime che danno gusto alla nostra vita.

Ohana

Riflettere su quanto importanti siano la fiducia reciproca e l’affidarsi l’uno all’altro all’interno delle relazioni familiari. La fiducia non si può comprare e non si può dare per scontata, nemmeno e soprattutto in famiglia: non è mai incondizionata, ma va continuamente riconquistata e rinegoziata ed infine... ripagata.

Dicono che...

Il tema del quarto incontro è la fiducia in se stessi. Spesso i giovanissimi, pur pensandola in maniera diversa, sono costretti a uniformarsi al “gruppo” per non essere esclusi o peggio derisi. Soprattutto nell’ambito della spiritualità i ragazzi molte volte fanno fatica a dire a compagni di scuola o di squadra che frequentano il gruppo o che vanno a messa tutte le domeniche.

Tieni il tempo

Riflettere sul ritmo e sulla regolarità che scandiscono la nostra quotidianità e sulle esperienze straordinarie che inevitabilmente segnano la nostra vita. Quanto del ritmo e della spontaneità di un genere come la musica tribale riesco a riportare nella mia quotidianità? Di cosa ho bisogno per poter scoprire una nuova regolarità anche nella fede?

Rock your soul

Capire che la ribellione all’immagine di Dio che viene dall’infanzia può essere occasione per riscoprire un Dio diverso, meno lontano di quanto si possa immaginare, un Dio che, quando lo incontri veramente, inevitabilmente cambia te e il tuo modo di vedere le cose.

Pagine