Ricerca

A scuola di...

Riconoscere nella scuola un luogo in cui si possono fare esperienze positive che arricchiscono la vita di un adolescente non solo dal punto di vista culturale e formativo, ma anche per le relazioni personali che si possono instaurare con compagni e professori. Impegnarsi a vivere pienamente e positivamente il tempo a scuola come dono che ci è stato fatto e far sì che anche noi sappiamo aiutare gli altri a star bene a scuola.

...ne vivo di esperienze. Tele-comunico? ;-)

Prendere coscienza della bellezza della comunicazione vissuta a contatto diretto con le persone, nella espressione della loro personalità e come apertura all'ascolto.
Riconoscere l'utilità e l'opportunità della tecnologia come mezzo che rimanda ad un rapporto vero e vissuto con le persone con cui ci teniamo in contatto.

A Messa!

Aiutare il giovanissimo a riflettere sulle due coordinate dell'Eucaristia: VERTICALE, essa ci mette in comunione con Cristo e con la Trinità tutta, congiunge il tempo e l'Eterno; ORIZZONTALE, ci costituisce Chiesa cioè comunità di fratelli, mette in relazione profonda le persone.
Dalla Messa si esce per testimoniare la bellezza di essere cristiani: è la missione.

CambiaMenti

Area: 

Avvicinare i giovanissimi al mondo della disabilità facendo capire che ciascuno di noi può trovarsi in una situazione di handicap. Ampliare le conoscenze e la sensibilità in merito alla disabilità.

Mettersi ai piedi

Mettersi al servizio degli altri parte dal "sedersi ai loro piedi"; scoprirsi persone umili che sanno donarsi con uno stile diverso, partendo dal piccolo gesto senza averne un ritorno, fino allo spendersi in grande per la comunità.

Non di solo pane vive l'uomo

Area: 

Qual è il rapporto dei giovanissimi col cibo e i criteri con cui scelgono cosa e come mangiare? Sperimentiamo il gusto per i cibi genuini e fatti in casa e riflettiamo sulle cause dei disturbi del comportamento alimentare (DCA). Gesù si offre a noi come cibo quotidiano che porta ad una vita piena.

Politichiamo

Riflettiamo sul significato primitivo della parola politica: collaborazione, partecipazione, e dono dei propri talenti a favore del bene comune. È giunto il momento di vedere con occhi diversi questo aspetto del vivere sociale e provare per esso quell'amore (interesse) oggi perduto.

"Alla ricerca di Nemo"

Far comprendere al giovanissimo che la famiglia è un bene da valorizzare così com'è; no, non è la realtà perfetta, a 14 anni già si vede, eppure è una realtà di cui abbiamo estremo bisogno. È anche il luogo dove iniziare a formare la propria indipendenza retta su relazioni di reciproca stima e fiducia che vanno costruite nel tempo.

Pagine